23
GEN

Don Ciotti torna al Villaggio La Brocchi

Don Luigi Ciotti torna a trovarci al Villaggio La Brocchi. Invitiamo tutti a partecipare all'incontro che si terrà lunedì 23 gennaio alle 18 in occasione della presentazione del libro di Michele Gesualdi: "Don Lorenzo Milani. L'esilio di Barbiana" con interventi di Don Ciotti e Sandra Gesualdi. L'evento è a cura del Centro di Documentazione Interculturale dell'Associazione Progetto Accoglienza, con il patrocinio della Fondazione don Milani e dell'Unione Montana dei Comuni del Mugello. Su don Milani è stato scritto molto. La sua figura,infatti, ha scosso in profondità le coscienze e diviso gli animi. Ma chi è stato davvero don Milani? A tale interrogativo vuole rispondere questo libro di Michele Gesualdi, uno dei primi sei "ragazzi" di Barbiana. Dando voce alle vive testimonianze di quanti lo hanno conosciuto direttamente, basandosi anche sulle sue lettere, alcune delle quali inedite, Gesualdi riconosce il percorso che ha portato don Milani all' "esilio" di Barbiana. La sua narrazione prende il via dagli anni del Seminario, ma si sofferma diffusamente e opportunamente sul periodo in cui don Lorenzo è stato cappellano a San Donato di Calenzano, perchè se Barbiana è stato il "capolavoro" di don Milani, Calenzano ne è stata l'officina. E' però nel niente di Barbiana, di cui don Lorenzo diviene priore nel 1954, che si compie il "miracolo" del Milani, quel niente che egli ha fatto fiorire e fruttificare, prendendosi cura degli esclusi e degli emarginati. "Don Lorenzo trovò nell'esilio di Barbiana la povertà e l'emarginazione più profonda, se ne fece carico con dedizione e amore straordinario. Non come opera di carità, ma come impegno di vita volto a combattere le cause che feriscono gli ultimi, perché l'ingiustizia sociale offende Dio e gli uomini. L'elemosina umilia chi la riceve e gratifica chi la elargisce. Chi ama veramente i poveri, invece, si batte ogni giorno per rimuovere le cause che provocano emarginazione sociale e umiliazione. Era questo un punto fermo nel suo insegnamento" Michele Gesualdi


[Indietro]